Mostra “C’era un volto e forse c’è ancora” – Castello di Sarteano

AL CASTELLO DI SARTEANO L’INCANTO IN MOSTRA CON “C’ERA UN VOLTO E FORSE C’È ANCORA” DI CARLOTTA BERTELLI E GIANLUCA GUAITOLI
Non potevano trovare una cornice più adatta le immagini fiabesche di Carlotta Bertelli e Gianluca Guaitoli: un castello in mezzo al bosco che, a partire dal 1° Aprile, per tre mesi, diventerà incantato grazie alle fotografie artistiche della mostra “C’era un volto e forse c’è ancora”.
E proprio il volto è il protagonista di questo racconto, delicato e intenso insieme, che comincia con un classico “C’era una volta…” ma che trasporta ogni spettatore verso un finale differente, personale, segreto. “Il volto senza trucco, il volto come culla di uno
sguardo che chiede solo di essere guardato, accolto, mai giudicato; il volto che nel silenzio sa farsi parola, incarnata, fragile e potentissima. E’ il mistero di un bambino come te che genera tenerezza, stupore e speranza. Come una fiaba, che quando inizi ad
ascoltarla sei nella tua stanza e poi ti ritrovi in uno spazio infinito – quello dell’Altro”.
Queste le parole degli artisti che, rivolgendosi alla figlia Francesca alla quale è dedicata l’intera mostra, lasciano intuire probabilmente il senso più vero e lo scopo più aulico del progetto: scoprire la bellezza e l’unicità delle persone che ci stanno accanto, conoscerne l’aspetto più intimo, ritrarli nella semplicità delle loro azioni quotidiane e così tirar fuori l’immaginifico, il sognante, il sorgivo, tutto ciò di cui spesso -nella frenesia delle metropoli- ci dimentichiamo. Perché nemico delle fiabe non è soltanto il realismo, ma la freddezza della disattenzione e l’aridità spirituale.
Negli scatti di Carlotta e Gianluca si trovano rughe, tristezza, esperienze, sollievo, speranza, paura, meraviglia, amore. Si trova tutto ciò che il prossimo sa dirci senza neppure parlare. “Questa mostra, nata dal desiderio di tradurre le fiabe che tanto ti piacciono in volti” continuano a spiegare gli artisti alla loro bimba “si è in realtà rivelata
l’occasione per conoscere persone favolose: dai bambini agli anziani, tutti per lo più incontrati “per caso” per strada e invitati in studio come un amico a casa nostra. E loro senza bisogno di tante presentazioni si sono presentati alla porta del nostro sogno, sono rimasti fermi al buio, in silenzio, facendoci sentire la potenza del loro cuore. Tutto
questo ci ha commossi. Ora è con la stessa commozione che presentiamo qui i loro volti scritti con la luce su fogli di carta sparsi e accartocciati. Chissà se un domani anche tu non camminerai per le strade della tua vita in cerca di fiabe, proprio come Cappuccetto Rosso cercava i fiori o come noi abbiamo cercato te. Chissà se un giorno capiterà anche a te di incontrare Pinocchio alla fermata del bus che porta a scuola, o di riconoscere Geppetto che sorseggia il suo caffè seduto al tavolo di un bar, o ancora di scoprire che Hansel e Gretel vivono proprio nei boschi qui vicino a casa. Magari li saluterai come si saluta un caro amico di vecchia data, e magari ti sorprenderai di essere ricambiata con lo stesso affettuoso saluto. Ti sembrerà di vivere in una favola. Allora sorriderai – sorrideremo – perché nel profondo saprai che è davvero così che si vive quando riesci a vedere non con gli occhi ma con il cuore”.
La mostra fotografica, curata da Cristina Muccioli e patrocinata -tra gli altri- dall’Istituto Diocesano di montepulciano-Chiusi-Pienza, sarà visitabile tutti i giorni (tranne il lunedì) dal 1° aprile al 1° luglio secondo le tariffe e gli orari consueti di accesso al Castello di Sarteano. L’inaugurazione, alla presenza degli artisti e delle autorità locali, si svolgerà domenica 1° aprile alle ore 15.30.
Il Sindaco di Sarteano, Francesco Landi, così commenta entusiasta l’iniziativa: “Questa mostra ha il pregio di rendere protagonisti i nostri concittadini e di accrescere l’offerta di un castello che ormai è diventato un centro espositivo per l’arte, con l’acronimo Ram. Asseconda lo spirito di Sarteano Living, il progetto comunale che, nel nome, esprime già
una missione: promuovere lo stile di vita locale, favorire la condivisione di valori, far crescere la comunità dal punto di vista economico e culturale”.
Ram -Rocca Manenti Art- nasce nell’anno 2016, in occasione della mostra fotografica di Y. Nishikawa “Tutto Scorre”, con l’obiettivo di far divenire il Castello di Sarteano non solo un luogo aperto alle visite, ma anche un contenitore d’arte di pregio per l’intera area della sud senese. Il progetto ha previsto una serie di interventi di miglioria al fine di adeguare la struttura per l’obiettivo sopra identificato. L’anno 2016 il Castello ha registrato un considerevole aumento di ingressi, dato che avvalora l’impatto positivo del progetto sulla gestione della struttura.

SPONSOR
Oltre al contributo del Comune, che annualmente investe per il progetto RAM, per il 2018 il sostegno di soggetti pubblici e privati si aggiungerà al budget stanziato. La crescita del progetto sta coinvolgendo nuovi soggetti che con la propria adesione, oltre a dar pregio all’iniziativa, garantiranno una maggiore e migliorata diffusione e visibilità. Oltre ai partner privati locali va ricordata l’importante adesione della Diocesi di Montepulciano – Chiusi – Pienza tra i soggetti patrocinanti, e Grande Impero tra gli sponsor privati.
______________________________________________________
INFO:
www.sarteanoliving.it
OPENING: Domenica 01 Aprile ore 15.30
ORARI DAL 1° AL 14 APRILE: dalle 10.30 alle 13.00 – dalle 15.00 alle 18.00
ORARI DAL 15 APRILE AL 1° LUGLIO: dalle 10.30 alle 13.00 – dalle 15.00 alle 19.00
(Tutti i giorni tranne il lunedì)
TARIFFE INGRESSO: Intero € 4,00 – Ridotto € 3,00
Contatti Castello: 334 6266850 (in orario apertura)
Proloco Sarteano: Corso Garibaldi, 9 – 0578 26920

Scroll to top